Polenta e paiolo antiaderente: la coppia perfetta in cucina!

La polenta è un piatto tipico del Nord Italia molto diffuso e amato, per cucinarla perfettamente basta dotarsi di un buon paiolo antiaderente.


Pubblicato il 04/09/2019
Attenuata la calura estiva, possiamo riniziare a metterci ai fornelli con grande soddisfazione ed aspettative. Oggi parliamo della polenta, la regina dell'autunno e dell'inverno, anche se in verità è perfetta 365 giorni l'anno. Sapete come si prepara? E sapete quale pentola per la polenta è più adatta? Vogliamo svelarvi qualche segreto oggi...


La ricetta della polenta

La ricetta tradizionale vuole che per la preparazione della polenta venga utilizzata farina di mais, in commercio ne trovate di vari tipi, ma si può anche utilizzare farina di grano saraceno, farina di ceci e addirittura di castagne. E, parlando di varianti, come possiamo non ricordare la polenta taragna? Quella ricca, succulenta, piena di formaggi sciolti all'interno... acquolina in bocca.

Tornando a noi, calcolate circa 250 gr di farina ogni litro d’acqua, ai quali aggiungere esclusivamente sale e olio. Un piatto povero, ma di grande carattere.
Preparazione: fate bollire l'acqua e unite il sale, versate la farina a pioggia mescolando con un cucchiaio di legno e mantenete la cottura ad alta temperatura. L'olio di oliva vi aiuterà ad evitare la formazione dei grumi. Tempo di cottura circa 50 minuti.


La pentola per la cottura della polenta

Per cuocere la polenta nel modo giusto è necessaria una pentola particolare, meglio se antiaderente. Pentolpress vi propone un paiolo antiaderente comodissimo, con manico removibile, lavabile in lavastoviglie, PFOA e NICKEL FREE. Resistente nel tempo e ai graffi, sembra essere lo strumento davvero perfetto per cuocere questo evergreen della cucina del nord Italia.


La conservazione della polenta

Ovviamente, mangiata appena cotta, ancora bollente, è “la morte sua”. Se avanza potete conservarla in frigorifero per 3 o 4 giorni, chiusa ermeticamente in un contenitore. E' ottima anche tagliata a fette e poi scottata sulla bistecchiera, formerà una crosta sottile e croccante all'esterno, mantenendo il cuore morbido all'interno. Che goduria.
Un'altra idea? Sempre a fette, disponetela su una teglia antiaderente con sopra formaggio e mozzarella, ripassate in forno per 15 minuti modalità grill e voilà, altra delizia pronta.


E la polenta...dolce?

Siamo abituati a mangiare la polenta con le salsicce, con lo spiedo bresciano, con i funghi, con il lardo... e se vi dicessimo che è sorprendentemente buona anche dolce? Fritta e cosparsa di zucchero, caramellata, accompagnata alla crema di cioccolato, alla frutta e insaporita con la cannella? Beh, assaggiate e poi fateci sapere!

Nel frattempo, vi lasciamo il link diretto alla scheda tecnica del nostro paiolo antiaderente Julienne e del nostro paiolo con rivestimento simil pietra Granit, la pentola per la polenta per eccellenza.



Vedi anche